ENDOSOMA

L’endosoma è un corpo vescicolare situato nella cellula. Ha la funzione di partecipare all’endocitosi, cioè al meccanismo cellulare che permette il transito attraverso la membrana di macromolecole e corpuscoli. Le dimensioni delle macromolecole e dei corpuscoli non consentono l’ingresso attraverso i meccanismi del trasporto di membrana.

A mantenere acido l’interno del comparto endosomico è la pompa protonica alimentata da ATP (adenosina trifosfato), che si trova nella membrana endosomica. Essa ha il compito di trasferire i  protoni dal citosolo al lume. 

Questo comparto ha come finalità lo smistamento della via endocitica diretta verso l’interno, proprio come il complesso di Golgi trans per la via secretoria diretta verso l’esterno.

A ricoprire un ruolo importante nello smistamento è l’ambiente acido, in quanto induce molti recettori a togliersi dal vincolo del loro bagaglio molecolare. Alcuni recettori usciranno per gemmazione come i recettori delle LDL (low density lipoprotein); altri andranno nei lisosomi per essere smaltiti; altri saranno soggetti ad  un processo di transcitosi. Per quanto riguarda le proteine, saranno sottoposti al medesimo trattamento dei recettori, rimanendo legate; altre, invece,  saranno degradate nei lisosomi. Il contento endosomico è il destino della maggior parte dei contenuti cellulati.

Resta soltanto da individuare in che modo le proteine passino dagli endosomi ai lisosomi. Alcuni studi ipotizzano che si tratti di un trasferimento grazie alle vesciscole di trasporto o che gli endosomi si  trasformino in maniera graduale in lisosomi.

L’endosoma corticale (o precoce) è una vescicola di 0,4-0,7 μm, ubicata nel citoplasma che si trova sotto la membrana plasmatica. L’endosoma col tempo diventa tardivo, con un pH più basso.

Iscriviti