Assone

L’assone è un conduttore di impulsi in direzione centrifuga rispetto al corpo cellulare. Rappresenta l’output del neurone che rilascia un impulso elettrico.

Il neurite, anche detto assone, conduce gli impulsi in direzione centrifuga  rispetto al corpo cellulare. Ogni neurone ha un assone. Nasce a partire dal soma cellulare attraverso una peculiare struttura anatomica denominata “cono di emergenza”. Il suo nome deriva dalla sua forma a tronco di cono. La base è rivolta verso il “soma” cellulare, mentre l’apice tronco si dirige nell’assone. Di solito, nella sua porzione distale,  si dirama assumendo l’aspetto della “chioma di un albero”. Mentre nella sua posizione prossimale non si dirama.

Il suo Sviluppo:

Una delle fasi principali dello sviluppo complessivo del sistema nervoso è il suo sviluppo. Sono stati effettuati degli studi sui neuroni ippocampali. Tali studi hanno evidenziato il fatto che i neuroni producano molteplici neuriti multipli. Ma soltanto uno di essi diventerà il vero e proprio l’assone.

In caso non si sviluppi completamente viene reciso e gli altri neuriti si trasformeranno in assone. Ciò può verificarsi solo quando l’assone viene reciso almeno più corto. Dopo l’incisione, il neurita più lungo diventerà il futuro assone e tutti gli altri neuriti si trasformeranno in dendriti. Allungando il neurite dall’esterno lo farà diventare un assone, soltanto attraverso un’interazione tra segnalazione extracellulare, intracellulare e dinamica citoscheletrica.

La sua Crescita:

Gli assoni in crescita si muovono attraverso il cono di crescita nell’ambiente circostante. Di conseguenza, il cono di crescita si estende tramite il lamellipodio, che contiene sporgenze dette filopodi. Attraverso esse, l’intero processo aderisce alle superfici ed esplora l’ambiente. Gli ambienti con alte concentrazioni di molecole di adesione cellulare creano un ambiente ideale per la crescita. Degli esempi specifici sono la glicoproteina e le MAG, che fanno parte della superfamiglia delle immunoglobuline. Un insieme di molecole di adesione della matrice extracellulare forniscono uno strato ideale affinché gli assoni crescano. Possono essere:

  • laminina;
  • fibronectina;
  • tenascina;
  • perlecano.

Ad aiutare la crescita degli assoni neurali sono i neuroni non maturi. Gli assoni danneggiati si rigenerano fino a quando il soma (il corpo cellulare di un neurone) non viene a sua volta danneggiato e possono ricostituire le connessioni sinaptiche con altri neuroni con l’aiuto di cellule guida. Si tratta di un processo noto come neurorigenerazione.

Iscriviti